Importanti informazioni sul richiamo del prodotto

icon-arrow-down icon icon-arrow-fill-down icon icon-arrow-next icon icon-arrow-prev icon icon-tag-close icon

La nanna e il rilassamento

Pisolini: cosa sapere per ogni fase della crescita

Quanti pisolini servono e quanto dovrebbero durare? Ecco come tutto cambia di anno in anno

CONDIVIDI
Ogni nuovo genitore conosce i dolori (e le gioie!) di far dormire i bambini per tutta la notte. Ma anche i sonnellini pomeridiani sono fondamentali: influenzano la qualità del loro sonno notturno così come il loro umore durante la giornata. Ecco cosa fare per ogni fase della crescita.

Neonati (da 0 a 3 mesi)
Cosa aspettarsi: all'inizio il sonno è un'attività del tutto relativa: i bebè non dormono secondo orari stabiliti e non esiste molta differenza tra il giorno e la notte. (Secondo l'Accademia Americana di Pediatria, i neonati riposano in genere circa 16-17 ore al giorno).

Tuttavia, tra le 8 e le 12 settimane di vita, è finalmente possibile scorgere un ciclo del sonno, che vede il bambino abituarsi gradualmente a stare sveglio durante il giorno e a dormire in orari predefiniti durante la notte. Così afferma Jodi A. Mindell, Ph.D., autrice di Sleeping Through the Night(Dormire di notte), direttrice associata del Pediatric Sleep Councildi Philadelphia. "Una volta entrati in questa fase, probabilmente vi accorgerete che il piccolo comincia ad avere sonno dopo essere stato sveglio per circa 1 ora e mezza o 2", spiega la dottoressa Mindell. Non preoccupatevi se non notate un ritmo più stabile fino a circa 4 mesi: alcuni bambini hanno bisogno di un po' di tempo in più.

Come educare al sonno: cercate di cogliere i segnali che il vostro neonato vi lancia quando comincia a essere stanco: irritabilità, arrossamenti intorno agli occhi, sguardo perso nel vuoto o l'istinto di toccarsi l'orecchio. Naturalmente, potete provare a conciliare il sonno del vostro bebè. "Mantenere delle abitudini quotidiane vi aiuterà a trasmettere al bambino il messaggio che è ora di lasciarsi andare tra le braccia di Morfeo", afferma la dottoressa Mindell. Potete ad esempio abbassare le tapparelle, leggere un libro, intonare una ninna ninna, parlare con una voce calma o qualsiasi altra cosa sia prevista dalle vostre abitudini notturne.

Da 4 a 12 mesi
Cosa aspettarsi: dopo aver superato i primi tre mesi, il sonno del bambino comincia a seguire un modello più prevedibile. Tra i 4 e gli 8 mesi, il sonno dei neonati è solitamente scandito dall'orologio in orari specifici del giorno oppure si distribuisce in sonnellini più brevi e frequenti dopo un periodo di circa due ore di attività, sostiene la dottoressa Mindell. A partire dai 9 mesi, quasi tutti i bambini dormono a orari prestabiliti.

Quanto durano solitamente i pisolini in questa fase? Dai 4 ai 6 mesi si tratta in genere di 3-4 ore suddivise in tre sonnellini, che nella fascia 6-12 mesi diventano 2-3 concentrate in una o due sessioni. Così riporta Jennifer Waldburger, operatrice sociosanitaria, coautrice di The Sleepeasy Solution e co-fondatrice di Sleepy Planet Parenting. Se il vostro piccolo è nella fase dei tre sonnellini, cercate di capire se è pronto ad abbandonarne uno: "Quando tra i 6 e i 9 mesi i bambini entrano nella fase che li porta all'abbandono del terzo pisolino, è possibile notare che questo diventa spesso più breve: è ciò che chiamo un "pisolino lampo", che può durare anche solo 20 o 30 minuti", afferma Waldburger.

Come educare al sonno: ripetete i gesti abitudinari che precedono il riposino con dieci o quindici minuti di preparazione al sonno, consiglia Waldburger. Mettete giù vostro figlio quando è rilassato, ma prima che sia esausto. "Quando i bambini si stancano troppo, il loro corpo produce un ormone dello stress chiamato cortisolo: questa sostanza rende loro più difficile tranquillizzarsi e può causare interruzioni del ciclo del sonno", afferma Waldburger.

Il momento ideale è quando il bambino è assonnato ma ancora sveglio. "Lasciare che il bimbo si calmi da solo senza cullarlo o allattarlo fino a quando non si addormenta significa che, se durante il pisolino entrerà in una fase di sonno leggera, saprà come calmarsi in autonomia", dice Waldburger.

Bambini da 2 a 3 anni
Cosa aspettarsi: "La maggior parte dei bambini dai 2 ai 3 anni si limita a un solo pisolino pomeridiano prolungato, di solito dopo l'ora di pranzo", spiega la dottoressa Mindell. Solitamente ha una durata compresa tra 90 minuti e 3 ore.

Come educare al sonno: "nel passaggio da due a un solo sonnellino, si possono notare due tendenze: o il secondo si protrae tanto a lungo da incidere sulla capacità del bambino di riposare tranquillamente la notte, oppure il piccolo si rifiuta semplicemente di dormire una seconda volta", afferma Waldburger. Quello sarà il momento in cui capirete che è ora di liberarsi del secondo pisolino.

"Durante questa fase di transizione, l'ideale è che il momento della nanna si svolga a metà giornata", dichiara Waldburger. L'orario dalle 11:30 alle 12:00 è il più comune per iniziare. "Se il vostro bambino è ancora solito fare la sua dormitina mattutina, posticipatela gradualmente di 15-20 minuti ogni due o tre giorni fino ad arrivare a un orario di inizio attorno alle 11:30", suggerisce Waldburger.

Età prescolare (da 4 a 5 anni)
Cosa aspettarsi: Se molti bambini rinunciano all'appuntamento con il pisolino dall'età di quattro anni, altri continuano con quest'abitudine fino ai cinque: la fascia oraria in cui solitamente si appisolano è tra le 12 e le 13:30 (andando mediamente a letto alle 20 ). uttavia, anche se vostro figlio non fa più i sonnellini, non significa che dovete eliminare del tutto il tempo del riposo. "A mano a mano che il vostro piccolo cresce, la cosiddetta 'ora del pisolino' può essere sostituita dall'ora di tranquillità", afferma la dottoressa Mindell. "Questo spazio assicura a tutti la possibilità di ritagliarsi un momento di pace durante il giorno, favorendo al contempo il pisolino in caso di necessità".

Come educare al sonno: spesso è facile capire quando i bambini hanno definitivamente chiuso con i pisolini. "Vi accorgerete che il vostro piccolo non prende più sonno durante gli orari in cui era solito farlo, o che, se salta un pisolino, sta comunque bene e non dà segni di cedimento", spiega la dottoressa Mindell.