Articoli e Argomenti
Febbre: Cosa Occorre Sapere
Esistono molti "miti" sulla febbre dei bambini. Mettete alla prova le vostre conoscenze sulla febbre determinando se le seguenti definizioni siano vere o false:
1. Una febbre si verifica con temperature corporee superiori a 37 gradi.

2. La febbre può essere pericolosa per i bambini piccoli e deve essere sempre trattata con una medicina che riduca la febbre.

3. Una febbre più alta indica che il bambino sta peggiorando e che deve quindi assumere antibiotici.

4. Se un bambino ha la febbre, occorre chiamare il medico immediatamente.
Tutte le affermazioni di cui sopra sono false. Sfortunatamente, queste convinzioni false hanno portato molti genitori a preoccuparsi inutilmente. Rivediamo i fatti sulla febbre.

Che cosa significa la parola “febbre”?
La febbre è una temperatura corporea superiore al normale. Sebbene una temperatura corporea di 37 gradi sia considerata “normale”, si tratta di una media e la temperatura normale può variare tra i 36-37.8 gradi. La temperatura corporea normalmente è inferiore al mattino e più alta nel pomeriggio e alla sera. La febbre può essere descritta come bassa (37.7-38,8), moderata (38,8-39,9) e alta (oltre 39.9 gradi). Se un bambino ha una temperatura di 37 gradi, non sarà considerata febbre.

La temperatura della febbre non indica la gravità del bambino o se siano necessari o meno antibiotici. Il migliore indicatore è ottenibile osservando l'aspetto e il comportamento del vostro bambino. Non importa quale temperatura segni il termometro, se è comunque attento, rilassato, se gioca e mangia allora la malattia è generalmente media; e se è distratto, irritabile e si rifiuta di mangiare o bere, potrebbe essere un po' più grave. La necessità di antibiotici dipende da ciò che dice il dottore, se egli ritenga che la malattia dipenda da un battere. Infatti, alcune malattie virali come la rosolia causano febbre alta; ma sono generalmente malattie medie e i bambini guariscono da soli in alcuni giorni senza alcun bisogno di medicine. D'altro canto, alcuni neonati con febbri ridotte possono essere gravi a causa di infezioni batteriche e richiedono un immediato esame e trattamento.

Che cosa causa la febbre?
La febbre non è una malattia in sè-è un possibile sintomo di una malattia. Le temperature corporee possono aumentare quale risposta alla malattia, ad una vaccinazione, all'esercizio, perchè troppo vestiti o per il clima caldo.

Infatti, quando un bambino è malato, la temperatura corporea aumenta naturalmente per aiutare il corpo a combattere la malattia. La febbre è effettivamente utile per attivare il sistema immunitario. La febbre generalmente non è pericolosa per i bambini se si mantiene sotto i 41 gradi. Quando un bambino si ammala, il corpo regola automaticamente la temperatura e raramente raggiunge questo livello limite a meno che il bambino non venga lasciato in un ambiente eccessivamente surriscaldato, come un'auto chiusa d'estate.

Quale tipo di trattamento occorre?
Se il vostro bambino presenta una febbre bassa e sostanzialmente non fastidiosa, non occorre somministrare medicine che riducano la febbre. Provate ad applicare i seguenti rimedi per farlo stare meglio:

  • Rimuovete gli indumenti e le coperte in eccesso. Non è necessario avvolgere il vostro bambino con indumenti pesanti per fargli “sudare" la febbre—questo effettivamente può fargli aumentare la temperatura. Fategli indossare abiti leggeri e mettetegli una coperta leggera.


  • Incoraggiatelo a bere molti liquidi. La malattia e la febbre possono causare disidratazione, che potrebbe renderlo più irritabile; e restando idratato guarirà più velocemente. Allattatelo o dategli il biberon più frequentemente. Date ai bambini nella fase dei primi passi e i bambini più grandi liquidi come acqua, succo di frutta, o brodo di pollo. Se ha appetito, non dovete 'affamare la febbre'-provate a dargli cibi leggeri come pane tostato, crackers, riso, pasta o banane.


  • Se il vostro bambino fosse scontroso o irritabile con una febbre moderata o alta, potete provare quanto segue:

  • Somministrategli una medicina che riduca la febbre come l'acetamminofenolo o l'ibuprofene (per i bambini di oltre 6 mesi). Chiedete al vostro pediatra e leggete le istruzioni del medicinale per assicurarvi di somministrargli la dose corretta con la tempistica corretta. Ricordate, queste medicine possono essere pericolose se ne somministrate una dose eccessiva. Non è necessario svegliare il vostro bambino per somministrargli la medicina—se sta dormendo tranquillamente, lasciatelo dormire. Non somministrategli queste medicine se sta già prendendo medicine per la tosse/raffreddore che contengono sostanze per ridurre la febbre. Inoltre non dategli aspirina—potrebbe causare una condizione pericolosa chiamata Sindrome di Reye.

  • Per temperature superiori a 39.9 gradi, potete cercare di abbassare la temperatura corporea mettendogli un panno umido sulla fronte o un bagno tiepido. Un bagno di 5-10 minuti può servire per abbassare la febbre, ma interrompetelo se il bambino dovesse mostrare segni di irrequietezza o brividi. Non fategli un bagno freddo, potrebbe causare brividi e aumentare la temperatura. Non mettete mai alcol nell'acqua del bagno del vostro bambino poichè potrebbe essere irritante e tossico.


  • Quando chiamare il dottore?
    Dottori diversi seguono linee guida diverse, quindi assicuratevi di chiedere al vostro medico quando ritenga necessario essere contattato. Generalmente, il momento giusto per chiamarlo dipende dall'età del vostro bambino. Per i bambini più grandi con febbre media, potete aspettare almeno 2-3 giorni e vedere se guariscono da soli; ma i neonati con la febbre devono essere visitati immediatamente poichè il loro sistema immunitario non è ancora sviluppato e possono peggiorare rapidamente. Ecco alcune linee guida generali per sapere quando chiamare il medico per malattie con febbre:

  • Bambini di età inferiore a 3 mesi: Qualunque malattia con febbre superiore a 38 gradi

  • Neonati tra 3 mesi e 2 anni: Malattie con febbre superiore a 39 gradi che si protrae per oltre 24 ore.

  • Bambini di oltre 2 anni: Malattie con febbre superiore a 39 gradi che si protrae per oltre 3 giorni.


  • Inoltre, chiamate il dottore quando il bambino ha un aspetto e un comportamento da malato, es., quando è letargico o estremamente irritabile; si lamenta di avere diversi dolori; continua a vomitare o ad avere la diarrea, non beve liquidi e presenta segni di disidratazione (borse agli occhi, labbra secche, urinazione ridotta); ha difficoltà respiratorie; o presenta un'irritazione cutanea ingiustificata.

    A volte, i bambini piccoli con febbre possono avere delle crisi o convulsioni (“crisi da febbre”) in seguito a cui perdono i sensi, gli occhi si ribaltano e il corpo si irrigidisce e trema. Le crisi da febbre generalmente durano meno di 5 minuti. Sebbene possano mettere paura ai genitori, non sono generalmente pericolose per i bambini. I bambini piccoli solitamente non se ne rendono conto o non si spaventano per tali crisi e tendono in seguito ad essere disorientati e assonnati. In caso di crisi da febbre:

    Proteggete il vostro bambino dal ferirsi. Se possibile, stendetelo su un fianco. Allontanatelo dagli oggetti e dai mobili appuntiti. Se necessario, mettetegli attorno dei cuscini che attutiscano i suoi movimenti.

    Non mettetegli niente-le vostre dita, un bastoncino, o medicine-in bocca durante la crisi. Sebbene alcuni ritengano che occorra 'mettergli in bocca qualcosa per evitare che il bambino si strozzi con la propria lingua', è più probabile che vi morda o che siate voi a strozzarlo facendolo.

    Guardate l'orologio e cronometrate la durata della crisi. Una crisi sembra sempre durare più a lungo della realtà.

    Chiamate immediatamente il vostro medico. Se il vostro bambino ha già avuto crisi da febbre in precedenza, seguite le indicazioni del vostro medico.
Karen Sokal-Gutierrez M.D., M.P.H.