Articoli e Argomenti
Il mio bambino di 5 mesi ha un'allergia alimentare?
D: Mio figlio ha 5 mesi. Ha iniziato a mangiare cereali a 3 mesi e 1/2 e gli omogeneizzati a 4 mesi. Ha provato ogni tipo di frutta e verdura e non ha mai avuto alcuna reazione allergica al cibo prima d'ora. Per qualche settimana gli ho dato cereali per quasi due volte al giorno con una verdura o un frutto. Questa settimana, gli sono comparsi dei piccoli foruncoli sul braccio e sul viso. Dato che mangia ogni tipo di alimento già da un po', non capisco quale cibo possa aver causato questa reazione, o forse è la reazione a qualche detersivo che utilizzo per lavare i suoi indumenti?
R: Le allergie alimentari sono una preoccupazione comune. Colpiscono circa il 3-6% dei bambini, sebbene in molti neonati e bambini nella fase dei primi passi questi si presentino solo all'età di 5 mesi, quando il loro sistema immunitario e apparato digerente si sviluppa. Poichè le allergie sono generalmente una condizione ereditaria, è più probabile che il tuo bambino ne presenti una se un elemento della famiglia soffre di allergie, eczema o asma.

I segnali di un'allergia alimentare includono arrossamenti cutanei come pustole ed eczema (zone screpolate) vomito, diarrea, e congestione nasale. Più raramente, un bambino potrebbe avere una reazione più violenta chiamata “anafilassi”: con difficoltà respiratorie e perdita di conoscenza.

Quando il tuo bambino presenta degli arrossamenti, è consigliabile contattare il pediatra per ottenere la diagnosi corretta e farti dire che cosa fare. Mi è impossibile fare una diagnosi per l'arrossamento del tuo bambino basandomi semplicemente sulla tua descrizione, ma mi sembra che potrebbe non essere causata da un'allergia alimentare. In genere i sintomi di un'allergia alimentare appaiono entro un'ora dall'ingestione del cibo e scompare entro 24 ore. Gli arrossamenti cutanei possono inoltre essere causati da punture di insetti, infezioni cutanee, malattie, sensibilità al sapone o a detersivi, allergie alle medicine, e altre cause. Molti arrossamenti vanno e vengono da sole, senza dover adottare alcun tipo di trattamento, senza causare problemi e senza che vi sia la necessità di scoprirne la causa.

Mi sembra che tu segua i principlai consigli dati per prevenire le allergie alimentari: allattamento materno al posto di quello artificiale; aspettare che il bambino abbia 4-6 mesi per iniziare a dargli cibi solidi come cereali, passati di frutta e verdura; e iniziare ad usare un nuovo alimento per volta per alcuni giorni per verificare se vi siano o meno reazioni allergiche. Il 90% delle allergie alimentari infantili sono causate da sei alimenti: latte vaccino, uova, soia, avena, noccioline e noci da albero (noci e mandorle). E' quindi importante evitare di dare al tuo bambino gli alimenti che più comunemente causano allergie fino a che non avrà almeno 12 mesi: latte vaccino, albumi d'uovo, burro di noccioline, agrumi, fragole e crostacei.
Karen Sokal-Gutierrez M.D., M.P.H.