icon-arrow-down icon icon-arrow-fill-down icon icon-arrow-next icon icon-arrow-prev icon icon-tag-close icon

Salute e sicurezza

Quanto alto diventerà il mio bambino?

L'altezza dei genitori, l'alimentazione e la salute giocano un ruolo fondamentale

CONDIVIDI
Fin da quando è nell'utero, è difficile non immaginare come sarà il vostro bambino quando sarà diventato grande. Avrà gli occhi azzurri o castani? I capelli lisci o ricci? E quanto alto sarà da grande? Ed è qui che intervengono gli esperti:

Considerate la genetica. Non c'è modo di dire esattamente quanto alto diventerà il vostro bambino da adulto, ma la genetica gioca un ruolo molto importante. "Poiché i chihuaua avranno cuccioli piccoli e quelli degli alani saranno grandi, la stessa cosa si applica tipicamente agli umani", afferma il Dott. Alan Rogol, professore emerito di pediatria alla University of Virginia, un esperto della crescita e dello sviluppo degli adolescenti, ed ex vice presidente della Endocrine Society. "È facile che i genitori alti abbiano bambini più alti della media, mentre quelli bassi, più bassi". Oltre alla genetica, tra i fattori che possono influenzare l'altezza del vostro bambino troviamo l'alimentazione, la salute in generale, gli ormoni e i primi indicatori della pubertà (raggiungere la pubertà tre o quattro anni prima della media può portare a ad una statura ridotta).

Fate una valutazione. Ci sono due formule che i medici utilizzano per fare una previsione approssimativa: La prima è l'altezza target dei genitori ed è basata sulla statura di entrambi i genitori. Per calcolarla, sommate l'altezza del padre e quella della madre, poi aggiungete 13 cm se avete un maschio e sottraete 13 cm se avete una femmina. Dividete per due per ottenere un'altezza stimata. Il secondo calcolo prevede di verificare se il vostro bambino rientra nei parametri della tabella di riferimento per la crescita all'età di due anni - indicativamente sarà lo stesso punto dove si inquadrerà quando sarà un adulto, presupponendo l'assenza di malattie particolari o medicine che inibiscono la crescita. Quindi se è al 50° percentile a 2 anni, sarà al 50° percentile quando sarà completamente cresciuto.

Tuttavia, esiste una notevole limitazione: Il margine di errore per entrambe le formule arriva fino a 10 cm in entrambi i sensi. Mentre il 95 percento dei bambini sarà compreso in quell'ipotetico intervallo di 15 cm, sono pur sempre 15 cm! Quindi, se prevedete che il vostro bambino sarà 1,75 m secondo tali formule, è più probabile che si collochi in un intervallo tra 1,65 m e 1,85 m. Un intervallo così elevato non vi offre indicazioni precise, afferma il Dott. Rogol.
Tenete d'occhio le tabelle della crescita. Gli esperti sostengono che a meno che un bambino sia insolitamente basso, se segue la sua curva della crescita ed è comunque sano, allora i genitori non hanno nulla di cui preoccuparsi. "I segnali d'allarme da monitorare sono quando un bambino scende al di sotto del 3° percentile della tabella dell'altezza o mostra problemi di crescita - superando di molto verso il basso i valori di riferimento", afferma il Dott. Rogol. "Quindi se per alcuni anni è rimasto stabile al 40 percento per poi scendere al 10 percento, iniziate a preoccuparvi." Un accentuato aumento nell'altezza di un bambino può essere altrettanto preoccupante poiché potrebbe essere un segnale di pubertà precoce. Se siete preoccupati, parlatene con il vostro pediatra che sarà in grado di verificare la tabella della crescita del vostro bambino e nel caso indirizzarvi ad uno specialista.

I consigli ai genitori rappresentano solo un suggerimento. Vi consigliamo di consultare anche lo specialista di competenza.