icon-arrow-down icon icon-arrow-fill-down icon icon-arrow-next icon icon-arrow-prev icon icon-tag-close icon

Questioni di famiglia

10 Cose che potrete tranquillamente dire ai bambini alle 3 di notte

Perché nel bel mezzo della notte, vale tutto

CONDIVIDI
Una cosa è un bambino che si mette a piangere nel cuore della notte perché vuole mangiare - l'istinto genitoriale entra in gioco e si trovano le energie necessarie. Invece affrontare le altre 'passeggiate' notturne è tutta un'altra storia - quelle dove c'è da rimettere a letto un bambino più grande che richiedono qualcosa di più del solo amore. Ecco dieci cose che non vi trasformano ufficialmente in "cattivi genitori" se le dite nel mezzo della notte.

1. Oh, ciao. No, non non mi sono proprio accorta che eri qui accanto e che mi stavi conficcando le tue belle unghiette affilate nel fianco da ben due minuti.

2. Tesoro, è proprio a questo che servono in pannolini fatti a mutandina.

3. Non ho assolutamente idea del perché ci sia della sabbia tra le tue lenzuola. È gennaio. Sai chi potrebbe dirtelo? Papi. Hey papi, papino?

4. Certo che puoi avere ancora qualcosa da mangiare per cena. A colazione.

5. Si, il coniglietto pasquale, Babbo Natale e la fatina dei denti sono tutti cugini. (Non sono sicura di poterlo dimostrare).

6. Oh, ecco qual è il problema! Stavi dormendo sul lato sbagliato del cuscino, piccola canaglia. Adesso lo giriamo e... ci vediamo tra 4 ore!

7. Ah, le ghiande stanno cadendo sul tetto. Sai che in alcune parti del mondo i bambini stanno tutta la notte in silenzio sotto le lenzuola, aspettando di sentire il suono delle ghiande che cadono perché portano fortuna e ti fanno crescere di dieci centimetri all'anno. Wow!

8. Mi spiace che la tua macchinina bianca emetta un suono più simile a quello dell'arcobaleno. Ma il suono arcobaleno è più bello!

9. Quindi: Questo è solo un sogno. Stai sognando la mamma in cucina che si sta mangiando gli avanzi della tua torta di compleanno. È solo un sogno. Nella vita reale la mamma non si sognerebbe mai di mangiarsi la glassa rossa rinsecchita della faccia dell'uomo ragno.

10. Ok, abbiamo un nuovo piano: Ecco il telefono. Premi il tasto di chiamata diretta per il numero di casa della nonna se ti svegli ancora. Vedi? "N" sta per NONNA. Probabilmente è già sveglia, tutta preoccupata per noi.

Lauren Smith Brody è una scrittrice, consulente e fondatrice di The Fifth Trimester. È anche l'autrice del libro in uscita tra breve The Fifth Trimester: The Working Mom’s Guide to Style, Sanity, e Big Success After Baby (Doubleday, April 2017).